Video intervista.
Il Centro destra, invece, affila i “coltelli” ed incalza la maggioranza mentre il Sindaco e Giunta pensano alle  10 Grandi opere per Termoli di cui oggi pomeriggio, nella Sala Colitto, si è tenuta la presentazione ufficiale. La rivoluzione della città è coordinata dall’ingegnere Caruso
la presentazione Grandi Opere

TERMOLI _ Comune di Termoli: passata la tempesta della ghiacciaia al porto di Termoli con la convocazione per il prossimo 21 luglio della conferenza di servizi per trasferire l’opera nella zona del “Triangolo” al porto, il Consigliere dell’Udeur Luigi Leone non torna sui suoi passi ed incalza il Sindaco con la richiesta di un rimpasto di Giunta comunale. E visto il delicato momento che starebbe attraversando l’Amministrazione Greco a corto di “numeri” in Consiglio comunale, la richiesta di un “change” nell’esecutivo comunale con la sostituzione dell’Assessore comunale ai Lavori Pubblici Mario Di Blasio potrebbe anche essere presa in considerazione dal primo cittadino. E mentre Leone punta i piedi sulla questione chiedendo la “testa” di Di Blasio, il centro destra, questa volta, sta affilando i “coltelli” pronto a nuove battaglie.
E’ di qualche giorno addietro un nuovo incontro dei consiglieri comunali di minoranza che hanno proseguito il “filone” iniziato lo scorso anno con riunioni serali con consiglieri regionali ed esponenti del Pdl. Il ciclo di appuntamenti serali è iniziato con il Consigliere regionale Antonio Chieffo ed è proseguito con Luigi Velardi e Sabrina De Camillis fino all’ultimo “vis a vis” con il Presidente della Giunta regionale Michele Iorio. L’appuntamento si è svolto a  Campomarino, “teatro” delle recenti elezioni comunali in cui ha prevalso la lista trasversale di Gianfranco Camilleri, neo sindaco del centro rivierasco. Nel corso della riunione si è infatti discusso delle recenti amministrative del paese ma anche delle varie vicende termolesi i cui “echi” giungono quotidianamente all’attenzione della Giunta molisana tra cui lo stesso Governatore Iorio.

le zone di studio delle 10 Grandi Opere
le zone di studio delle 10 Grandi Opere
Dal canto suo il Sindaco Vincenzo Greco risponde alle polemiche con la presentazione ufficiale delle 10 Grandi Opere, avvenuta oggi pomeriggio nella sala Colitto di Termoli. Alcuni giovani professionisti hanno illustrato i singoli interventi in grado di rivoluzione da cima a fondo la città a partire da L’Agorà in Contrada Difesa Grande fino al Polo dell’istruzione nella ex Fornace della perfieria di Termoli.

L’intero progetto di restyling di Termoli è coordinato dall’ingegnere Matteo Caruso e prevede investimenti imponenti per la loro realizzazione da realizzare attraverso la partecipazione anche di finanziamenti privati: project financing.

 {youtubejw width=”300″ height=”245″}http://www.youtube.com/watch?v=Fdy1mMw0YKM{/youtubejw}

La rivoluzione riguarda Piazza Sant’Antonio dove è previsto il waterfront marina di Sant’Antonio, il lungomare nord con l’iniziativa denominata Le Dune abitate, riqualificazione di Piazza Bega con un parcheggio sotterraneo, il polo della istruzione nella Ex Fornace, l’Agorà in Contrada Difesa Grande, i parchi urbani dal valore naturalistico che prevede una sorta di collegamento tra le diverse zone verdi di Termoli a partire dal parco di via del Molinello, il waterfront di Foce dell’Angelo che prevede l’abbattimento del viadotto già previsto dall’Amministrazione, la cittadella dell’innovazione a Rio-vivo Marinelle, Area Piazza Papa e dintorni, Vele di terra a mezza costa con un progetto che si inserisce sul costone di viale Cristoforo Colombo fino al residence Colombo.  

Opera zona 4: una Fortezza ApertaL’iniziativa ha suscitato commenti positivi tra i consiglieri di maggioranza presenti oggi pomeriggio all’appuntamento nella Sala Colitto. Antonio Giuditta capogruppo dell’Udeur ha seguito con attenzione la presentazione. Anche l’Assessore al Bilancio Marino, l’Assessore Lattanzi ed alle Politiche sociali Russo hanno ascoltato i dettagli delle iniziative destinate a trasformare completamente la città. Presenti anche alcuni esponenti della coalizione di centro sinistra. Invitato anche il rappresentante dei presidi, Antonio Franzese per seguire il progetto del polo dell’istruzione.
L’opposizione, invece, ha contestato le 10 Grandi opere (vedi video).

1 commento

  1. commento al video
    aiuto!!..ma che modo di parlare è?…quali sarebbero le aree di interesse alle qualii si riferisce??…il bene della città?…quanto gli rode!!! ….QUESTO E’ L BENE CHE VOLETE VOI DI TERMOLI.

  2. Termoli a GO…GO
    Ma qualcuno è stato pagato dall’amministrazione per questa carrellata di progetti “assurdi”? Ricordo che in altre amministrazioni non si lasciano sfuggire delle occasioni di questo livello per proporre progetti sottoposti a “CONCORSI di IDEE” con tanto di BANDO, non in sordina delegando un “team di progettazione interdisciplinare” con a capo Matteo Caruso (ben noto esponente IDV). L’unica nota positiva è l’individuazione delle aree proposte alle soluzioni progettuali. Mi raccomando “le scorse” amministrazioni hanno già bruciato delle zone importanti per lo sviluppo di questa città, cerchiamo d’ora in poi di coinvolgerla e non lasciarla alla gestione poco oculata con il risultato di proposte insensate cui stiamo assistendo in questi giorni. Iniziamo con il mettere al bando il cemento e le “FORTEZZE nel deserto” e incoraggiamo soluzioni tecniche alternative adatte ad uno sviluppo compatibile con il nostro magnifico territorio.

  3. Credo che sia necessario stabilire le priorità:ad esempio i parcheggi sotterranei in centro e la riquilificazione di Pozzo Dolce e del centro cittadino (perchè il piccolo commercio non può morire aspettando che i politici prendano le decisioni)!! peraltro da anni esistono già i progetti alcuni dei quali sono già stati oggetto di gara…e allora andiamo avanti con le buone idee!

  4. Nella Sala Colitto, si è tenuta la presentazione ufficiale della rivoluzione della città
    Chi rappresenta la cittadinanza sta dimostrando di essere abile venditore di …. Sono stati presentati contemporaneamente tantissimi mega progetti per nascondere, tra questi, quelli in cui hanno un interesse personale e particolare oppure accontentare con un sol colpo le aspettative di tanti altri.
    Il buon senso insegna che le proposte vanno presentate singolarmente, secondo le esigenze del momento e/o a copertura delle necessità della cittadinanza.
    Comunque, le proposte sono veramente belle, non c’è che dire; senza pregiudizi, la parte razionale di noi cittadini deve prevalere scegliendo, tra questi futuristici progetti, quelli veramente necessari è quelli che fanno parte degli interessi privati, classiche colate di cemento.
    A questo và aggiunto la considerazione realistica che è riconducibile a banalissime considerazione: sono questi, gli attuali amministratori, in grado di gestire quanto ci propongono se non riescono, attualmente ad amministrare:
    1 – la pulizia della città, degrado ovunque iniziando dalle erbacce e immondizia da tutte le parti.
    2 – la viabilità cittadina,un tratto di circa 900 metri, da piazza del Papa a piazza Donatori di Sangue, necessita mediamente dai 5 ai 10 minuti per percorrerla; immaginiamo quando aumenterà la presenza di turisti.
    3 – raccolta rifiuti porta a porta che si è trasformata in un mega spot pubblicitario per il produttore di contenitori di plastica, sono in bella mostra davanti alla maggior parte dei condomini, annullando totalmente l’obiettivo iniziale di non vedere contenitori nelle strade.

    A quanto sopra, che sono solo cose ordinarie, bisogna valutare anche la credibilità attuale degli amministratori. È vero che sono stati eletti a rappresentanza dei cittadini, ma vogliamo chiederci se riscuotono ancora la stessa fiducia e credibilità di allora ?
    Un referendum consultivo, su ogni singolo progetto, sarebbe la massima espressione della democrazia.
    E’ opportuno richiamare, l’opposizione, dalle prolungate ferie iniziate subito dopo le elezioni amministrative.


  5. Mah sono molto perplesso…questi progetti sono stati ideati da un gruppo ristretto di persone(scelti da chi)invece che fare grandi concorsi aperti a tutti, sfruttare canali come europaconcorsi, aperti a Tanti giovani e Tanti professionisti anche solo per farsi delle idee.Il progetto previsto al centro mi sembra di averlo già visto anni fà..è valido,utile e bello ma quando e chi lo farà mai non si sà! Un’altro bel progetto è quello del polo scolastico nel sito della fornace. Ma ci sono alcuni progetti veramente ridicoli, inutili e brutti come le vele sospese sul lungomare, il tribunale torre vetrata e piazza del Papà che diventerà un giardino bellissimo con l’incrocio e la sezione stradale interrata le tensostrutture..oh ma un giro al parco comunale ve lo siete fatti?Per svalciare le erbacce sul lungomare un mese fà ci hanno messo una vita.Non riusciamo a tenere un parco e le strade pulite e ci avventuriamo in piccoli parchi urbani ad alto valore naturalistico e parchetti archeologici ipogei?Ma è uno scherzo?Ma dai!!!E quel centro congressi assurdo..ma serve veramente una cittadella creativa e dell’innovazione con due torri così..mi sembra un pò esagerato e fuori luogo!Così come il progetto sulle dune..qualche casa in meno e qualche accesso al mare in più ci bastavano! Una presentazione grafica dei progetti pessima…

  6. -.-
    ci sono delle belle idee, che potrebbero realmente cambiare la città, ma prima di tutto bisogna valutare il senso civico degli abitanti: è inutile fare tante belle cose se poi con la NOSTRA maleducazione civica (ovviamente con le dovute eccezioni) in un solo giorno distruggiamo tutto (N.B. i parcheggi dello scientifico!) ma poi, mettiamo caso che si possa realmente realizzare, dove si vanno a prendere la quantità necessaria di soldi, per poter attuare questo cambiamento? ripeto le idee sono belle, ma il bilancio economico è in grado di affrontare tutto questo? osservando un po l’andamento delle cose, ne dubito! mhà…..speriamo sempre in meglio!

  7. Quasi nulla di nuovo. Vecchie idee e vecchi progetti modificati…del tunnel poi se ne parla da trent’anni….personalmente penso che i soldi debbano essere spesi in base alle priorità!
    Che fine hanno fatto i progetti per la riqualificazione del centro cittadino – concorso nazionale di idee del 2005/2005? Perchè non esporli per dare ai cittadini la possibilità di discutere, confrontarsi sulle idee che sono arrivate a Termoli da tutta l’Italia?Buon lavoro.