Video del consiglio comunale.
Oggi pomeriggio torna in seconda convocazione consiglio comunale. Alle 16 conferenza stampa dell’opposizione sulle mozioni inerenti il Bilancio preventivo presentate ieri.

Consiglio comunale
TERMOLI _ Incompatibilità Sindaco Greco: il consiglio comunale boccia la mozione dell’opposizione che aveva contestato la posizione del primo cittadino. La maggioranza ha espresso contrarietà alla contestazione di incompatibilità mossa con veemenza dalle fila della minoranza. Nel corso di un consiglio comunale piuttosto “caldo” in cui sono stati numerosi i momenti di tensione tra il Presidente del Consiglio Guseppe Rocchia ed il consigliere comunale Udc Cocomazzi prima e con il Capogruppo di Forza Italia Antonio Di Brino, non è passata la revoca del Presidente del Consiglio comunale Giuseppe Rocchia chiesta sempre dalla minoranza. La votazione sulla mozione di revoca di Rocchia è stata palese.

Risolta, invece, la questione della fornitura dell’acqua da parte del Cosib con una decisione dello stesso consorzio per cui non ci saranno problematiche per la cittadinanza hanno sottolineato sia il Sindaco Vincenzo Greco che è intervenuto sulla vicenda sottolineando di aver esposto la questione al Procuratore della Repubblica di Larino Nicola Magrone.

 {youtubejw width=”300″ height=”245″}http://www.youtube.com/watch?v=LLakhzx6a7M{/youtubejw}

Il Consiglio comunale è stato dominato da più di qualche “battibecco” tra maggioranza ed opposizione, tra il Presidente Rocchia e la minoranza ma alla fine, intorno alle 23 circa, l’assemblea è stata aggiornata ad oggi pomeriggio.

Le mozioni sul bilancio preventivo 2009 depositate ieri l’altro saranno discusse oggi pomeriggio nel corso della seconda seduta di Consiglio che si preannuncia infuocata. La tensione in riferimento alla discussione sul bilancio è già palpabile tra gli opposti schieramenti e la polemica è già iniziata. 
Oggi pomeriggio i Gruppi consiliari di minoranza terrano una conferenza alle 16 di denuncia di presunte irregolarità addebitate all’Amministrazione Greco anche alla luce di una recente sentenza della Corte dei Conti.