myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623

Don Benito Giorgetta
TERMOLI _ Avrà luogo domani 15 ottobre, con solenne celebrazione eucaristica alle ore 18.00, la presa di possesso canonico di don Benito Giorgetta della parrocchia di San Timoteo, in pieno centro a Termoli. La celebrazione, che sarà presieduta dal vescovo diocesano mons. Gianfranco De Luca, sarà anticipata dall’inaugurazione del primo sito internet parrocchiale per la realtà termolese di San Timoteo. Don Benito Giorgetta entra in parrocchia, quindi, portando con sé la comunicazione e l’apertura ai giovani e all’utenza web.

Il Direttore diocesano dell’Ufficio per le comunicazioni sociali, giornalista-pubblicista e scrittore, riporta nel sito internet un editoriale di benvenuto che sintetizza l’intero obiettivo e punto comune di questa nuova chiamata al servizio presbiterale: “Da oggi, giorno nel quale inizia il mio ministero sacerdotale come parroco di san Timoteo si aggiunge, nel vasto panorama sitografico, questa opportunità per la comunità parrocchiale termolese di san Timoteo. È un modo, non certo l’unico o il migliore per provocare una visibilità e donare una presenza e opportunità di contatto, di relazione a distanza. L’essenziale che questa risorsa non spenga e nemmeno offuschi quella della relazione diretta e interpersonale che sono caratterizzanti la vita e il dinamismo di una comunità parrocchiale.

Su queste pagine, aperte alla collaborazione di chiunque voglia, anzi, si auspica di tante persone, sarà possibile leggere la vita parrocchiale; vedere attraverso foto, filmati i momenti salienti della vita comunitaria e offrire la propria disponibilità lasciandosi contagiare dal desiderio di essere utili e quindi disponibili alla collaborazione partecipativa anche con un mezzo come internet. Oggi essere visibili anche nel vasto mondo telematico è un modo per abitare questa terra, visto che la tecnica lo permette e, forse, l’evangelizzazione lo impone! Tutto è semplicemente un mezzo, non certo il fine. Il termine ultimo è e rimane preferenzialmente l’incontro con il Cristo nell’intimo del proprio cuore e nel cuore della comunità ecclesiale di cui la parrocchia è una piccola parte per permettere a tutti di sentirsi essere e vivere da Chiesa ossia fraternamente. Con affetto don Benito”.

Articolo precedenteElezioni, Campopiano: Iorio, comprereste un auto usata da quest’uomo?
Articolo successivoParte dal 19 ottobre il servizio mensa scolastica a Termoli