Saprete che a Termoli c’è un Terminal bus, vero? Saprete anche che nel Terminal sono collocati dei locali a detta dei più “abbandonati”. C’è chi ne ha parlato male designandoli come “il posto dove le bande si vanno a fumare ” o cose simili. C’è chi di conseguenza vuol avere la prova che ciò sia la verità o il falso. C’è infine chi dentro i locali del Terminal Bus è presente più di un giorno a settimana e sa per certo che quel posto è un fulcro di attività costruttive, artistiche, culturali. Non solo! E’ anche la sede della Consulta Giovanile, organo assolutamente non politico atto a soddisfare le necessità culturali dei giovani.
Dunque: ACCORRETE ACCORRETE GENTI DE LO MONDO INTIERO, il Terminal Bus si apre anche a voi per mostrare il suo contenuto fatto d’arte, attività, cinema libero e idee. Una miscela di collaborazioni e di vitalità sotto il segno di una cosa indefinibile detta “arte”. Ma più che di arte parleremmo qui di “artigianato artistico”… e a nostro avviso questa definizione non sarebbe affatto limitativa. Anzi! Essa riporta a un operato artigianale, dunque legato da un lato a un proposito lavorativo-professionale inseribile nel contesto socio-economico, dall’ altro riconduce alla dimensione artistica ideale, a un sistema complesso e astratto di meditazioni, convinzioni e modi di vivere.

Che volete di più? C’è tutto! E qualsiasi debosciamento viene schivato, qualsiasi autismo da comitiva pure! La mostra collettiva che il 14 Marzo si terrà presso i locali del Terminal Bus nasce a partire da questi presupposti. Con l’intento primario di promuovere il fatto che all’interno dei locali suddetti non si consuma alcuna frode alla vita, alcuna violenza alla creatività. Tutt’altro! I partecipanti alla mostra, gli “artisti” o “artigiani” sono persone che girano per Termoli, e soprattutto sono giovani! , chiederete voi. Noi rispondiamo: . Venite a constatare il 14 Marzo che i nomi strani riportati sul manifesto del TERMINAL GARDENING corrispondono a individui reali, a gente che ha qualcosa di interessante che gli frulla per la testa! Hanno voglia di esprimersi e se nessuno se li fila loro si esprimono lo stesso perché sono sicuri di voler fare bene. Non è presunzione, ma determinazione, affastellata su una grinta creativa che non deve mancare nel desolato panorama post-tutto di questa Crisi. Chi scrive non ricorda un momento in cui questo paese non abbia sofferto di qualche crisi a partire dagli anni Ottanta.

E perciò, da quando l’Italia ha deciso di diventare il rimorchio del Tir, sorgono fenomeni suburbani/provinciali di fermento. Questo è uno di quelli. Non abbiamo la pretesa di prevedere nulla, né di definire ciò che accade, ma rimane l’interesse suscitato dal lavoro attorno e dentro a TERMINAL GARDENING, un interesse che deve essere contagioso in maniera da trasformare il fermento in vitalità e lo yogurt in una mucca. Non girate la testa allora, non restate a casa a vedere la televisione. Venite a farvi un giro! Almeno stasera! Una sera che Termoli vi offre qualcosa! Non tentiamo di fare i banditori, ma se una cosa ci è stata insegnata è che l’insistenza talvolta paga.

Dunque: 14 marzo (inizio ore 19), 14 marzo (inizio ore 19), 14 marzo (inizio ore 19), 14 marzo (inizio ore 19), 14 marzo (inizio ore 19), 14 marzo (inizio ore 19), 14 marzo (inizio ore 19), 14 marzo (inizio ore 19), 14 marzo (inizio ore 19), nei locali presso il TERMINAL BUS. Avrete la prova che tutte le infamie rivolte al circolo culturale che vi risiede sono infondate, ma soprattutto avrete la possibilità di verificare l’esistenza di un sottobosco di idee teso ed elettrico! A PRESTO! (Entrata libera, eh eh eh…)

Partecipanti:
– Espongono:
[X], Cristiano Sornione, Deev, Girapastarito, Hateful, Himomlookate, Itaca Production, Moe, Mess2, New4mat, Norh, Prolifique, Salvatore., Sheooo, Twik, Unkle lu’, We/Ragni, Wordy!, Il Signor Delamarne…
– Musica a cura di: Creeterio, Grisux, Mark Elephunk, Mess2, Romualdo Marino…
– E inoltre: breaking della SCRATCH THE FLOOR KREU