myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623 “Elezioni
Termoli, via Firenze 1 maggio 2023: l’edificio abbandonato dell’ ex bowling

TERMOLI – “Da decenni il territorio comunale di Termoli è preda di enormi appetiti speculativi edilizi, facilitati da un lato dalla famigerata legge regionale 30/2009 (Piano Casa Molise) -uno dei peggiori d’Italia, prorogato per ben sei volte  fino al 31/12/2024 – dall’altro dalla pessima consuetudine di consentire ai costruttori di monetizzare gli standard urbanistici (i 18 metri quadri per abitante da destinare a verde, scuole, parcheggi e servizi pubblici) o di realizzarli in aree lontanissime da quelle dove avviene l’edificazione. Il diritto dei cittadini a fruire degli spazi verdi dovuti loro per legge viene così azzerato.

Come se non bastassero queste pratiche deleterie, ecco che  l’amministrazione Roberti si accinge ora alla svendita del terreno comunale in Via Firenze di 6.271 mq, destinato a verde pubblico attrezzato, dove sorge l’ex bowling, ed alla trasformazione dell’area in edificabile.

Nel 1990 il Comune di Termoli ha concesso alla società Euro 2000 srl l’area dove è stato edificato il bowling (considerato attrezzatura ricreativa) in diritto di superficie, al prezzo (convertito dalle lire) di 41.317 euro. A seguito del fallimento di Euro 2000, il 19/07/2022, tramite asta giudiziaria, l’edificio dell’ex bowling ed il diritto di superficie sull’area sono stati ceduti al prezzo di 240.500 euro alla società edile Milanotre srl, di proprietà al 50% del costruttore Nuozzi, al 25% dell’avv. Cianci ed al 25% del commerciante di fiori secchi ed artificiali Guerrieri. Il decreto di trasferimento del bene è stato promulgato dal Tribunale di Larino il 20/12/2022, e già il giorno successivo Milanotre srl ha chiesto al Comune la trasformazione del diritto di superficie in proprietà.

 La settimana successiva (28/12/2022) Milanotre srl ha presentato al Comune istanza di SCIA, per un «intervento di manutenzione straordinaria (pesante), restauro e risanamento conservativo (pesante) e ristrutturazione edilizia (leggera)». In realtà il progetto allegato riguardava la realizzazione di tre palazzi con 64 appartamenti, avvalendosi dell’art. 6 del Piano Casa Molise per l’edilizia residenziale convenzionata, che consente la trasformazione della destinazione d’uso da verde pubblico in abitativa.

Nei documenti scambiati successivamente tra il richiedente ed il Comune di Termoli l’istanza presentata è definita “SCIA alternativa al permesso di costruire”, detta anche Super SCIA, che consente nuove edificazioni, ma la presentazione di una nuova istanza correttiva di Super SCIA non è mai avvenuta; tuttavia, nel caso specifico sarebbe stata inidonea anche la Super SCIA, perché l’invocato art. 6, comma 4, del Piano Casa Molise prevede che per l’edilizia convenzionata vada richiesto il Permesso di costruire.

Il Comune avrebbe dovuto respingere la SCIA per difformità dell’intervento rispetto all’istanza presentata, invitando Milanotre srl a chiedere il Permesso di costruire. Invece, il 09/01/2023 il dirigente del Settore III (Programmazione, gestione e governo del territorio) ha scritto a Milanotre srl che la SCIA è stata soltanto sospesa in attesa della trasformazione del diritto di superficie in proprietà, lasciando così proseguire un procedimento viziato di illegittimità alla radice.

 Il 05/06/2023 il progetto è stato riformulato: gli edifici da edificare sono diventati 5 (prima 3), gli appartamenti 50 (prima 64), i volumi fuori terra 19.177 mc (prima 24.955 mc). Con i nuovi valori Milanotre srl dovrebbe conferire al Comune circa 3.600 mq per gli standard urbanistici, ma dove prenderli, visto che i cinque palazzi occupano tutta la lottizzazione? Naturalmente saranno monetizzati o saranno conferite aree ubicate chissà dove, privando di un’area adibita a verde un quartiere già pesantemente urbanizzato.

Che fine ha fatto poi l’indispensabile trasformazione del diritto di superficie in proprietà?

Il 23/02/2023 il dirigente del Settore III ha conferito, con affidamento diretto, ad un architetto l’incarico di stimare il valore di mercato dell’area dell’ex bowling ai fini della sua vendita a Milanotre srl.

A maggio 2023 – evidentemente dopo lunga meditazione – l’architetto incaricato dal Comune ha presentato la sua stima, che ha dell’incredibile. Egli ha preso a valore base di stima il prezzo di 40 €/mq – che è quello stabilito nel 2010 dal Consiglio comunale nel caso di monetizzazione delle aree per gli standard urbanistici – e lo ha incrementato del 20%, proponendo la stima di 48 €/mq.   Il prezzo di mercato dei 6.271 mq dell’ex bowling sarebbe dunque di 300.960 euro e, sottraendo la somma pagata nel 1990 da Euro 2000 srl per costituire il diritto di superficie, il Comune dovrebbe alienare l’area a 260.000 euro.

Quella formulata dal tecnico è una enorme sottostima del valore dell’area. In quel quartiere (Porticone Alto) le aree fabbricabili quotano non meno di 150 €/mq.  Per il patrimonio comunale si prospetta così un danno erariale non inferiore ai  600.000 euro.

Ora la svendita dell’area dell’ex bowling verrà posta in discussione nelle commissioni congiunte II e IV martedì 4 luglio, per poi arrivare in Consiglio comunale.

Questa operazione sciagurata è viziata sin dall’inizio (mancanza del titolo principale, la proprietà dell’area), illegittima per le procedure usate (SCIA invece del permesso a costruire), dannosa economicamente per il Comune, lesiva per gli abitanti del quartiere, ai quali va a togliere un’area verde.

Come gruppi consiliari di minoranza ci opporremo in Commissione ed in Consiglio, e informeremo tempestivamente i cittadini degli sviluppi della vicenda. Se la maggioranza non azzererà il procedimento e dovesse approvare la svendita dell’area e la sua trasformazione in edificabile, annunciamo già che continueremo la nostra azione chiedendo l’intervento dell’ANAC e delle Procure della Repubblica e della Corte dei conti.

Basta scempi edilizi! Basta consumo di suolo! Se questa è la vostra idea di città, ci batteremo fino all’ultimo per difendere Termoli dall’ondata di cemento con cui la state seppellendo”.

I Consiglieri di Minoranza al Comune di Termoli

Articolo precedenteEolico offshore, minoranza: “In comune si recita a soggetto”
Articolo successivoFestival Borgo in Jazz: 10 anni di musica nel cuore del Molise