Ma ssère ce parle e ce cante termelèse
Da sinistra: Rosa Sciarretta, Luicia Marinaro, l’assessore Michele Barile, Antonella Salvatore, Nicolino Cannarsa, Saverio Metere e Anna Catalano

TERMOLI – Davanti ad un Largo Tornola gremito di gente, è andata in scena la seconda edizione di «Ma ssère ce parle e ce cante termelèse» manifestazione ideata dall’architetto, poeta e scrittore Saverio Metere e dedicata alla valorizzazione della poesia in vernacolo ed ai talenti della città.

La manifestazione, divisa in due atti, ha visto alternarsi i 6 poeti: Lucia Marinaro, Roberto Cappella, Rosa Sciarretta, Nicolino Cannarsa che ha anche accompagnato le liriche con musiche, Anna Catalano e lo stesso Metere.

La serata, presentata dalla direttrice della nostra testata giornalistica, Antonella Salvatore, ha riscosso molti consensi. Tanti gli applausi agli artisti che si sono esibiti in due liriche nel corso della prima parte dello spettacolo ed altre due poesie nella seconda. Nell’intervallo sono andati in scena gli esilaranti monologhi di Anna Catalano molto apprezzati dai presenti. Novità della serata, la declamazione di liriche in vernacolo da parte del pubblico. Grande simpatia ha riscosso Carmen Di Pardo, torinese di adozione ma originaria della città che ha recitato la poesia di Metere “U pizz Pazz”.

La manifestazione si è chiusa con la canzone di Nicolino Cannarsa Ciriciripiccula ed a grande richiesta del pubblico U battelluccio” sempre di Cannarsa. Lisa Metere, nel corso della serata, ha intrattenuto i bambini presenti con traccabimbi entusiasmandoli non poco. Appuntamento alla prossima estate con la poesia in vernacolo termolese.

Ma ssére ce parle e ce cante termelése

#Termoli, largo Tornola – “Ma ssére ce parle e ce cante termelése” l'evento dedicato alla valorizzazione della lirica dialettale. Protagonisti della manifestazione, ideata dall’architetto, poeta e scrittore di origine #termolese ma residente a Milano, Saverio Metere, cinque #poeti della città.Con lui appassionati di #poesia in #vernacolo della città, giovani, anziani ma anche donne di varie età: Lucia Marinaro pensionata ma con molte liriche scritte negli ultimi anni, Roberto Cappella, farmacista di professione ma appassionato di #lirichedialettali, Rosa Sciarretta casalinga ed anch’essa autrice di poesie anche premiate, Anna Catalano con i suoi #monologhi esilaranti e Nicolino Cannarsa autore di #poesie, spettacoli e pezzi di #prosa, sempre dialettali. La serata è stata presentata dalla direttrice della nostra testata giornalistica, Antonella Salvatore

Posted by myNews on Saturday, 10 August 2019