MONTENERO DI BISACCIA – In riferimento all’incontro pubblico tenutosi domenica 1 marzo a Montenero di Bisaccia tra i rappresentanti locali di PD, IdV e SEL per la presentazione delle primarie, noi Dipietristi di Montenero prendiamo atto, per il tramite degli organi d’informazione, che, piuttosto che parlare della loro organizzazione, si è preferito concentrarsi sulla stigmatizzazione delle nostre posizioni. Innanzitutto, ci teniamo a sottolineare che rispettiamo le primarie e i partiti che le hanno indette. Ci spiace notare che tale rispetto non è reciproco e, soprattutto, la poca eleganza dimostrata presentando il simbolo dell’Italia dei Valori a Montenero, paese natale dell’on. Antonio Di Pietro, essendo note a tutti le vicissitudini che hanno caratterizzato la storia di questo partito negli ultimi mesi. Ribadiamo con fermezza e serenità la nostra massima apertura e disponibilità a dialogare con tutti.

Anziché denigrare i percorsi altrui, preferiamo lavorare per perseguire il nostro unico interesse: costruire un percorso condiviso, che non guardi alle tessere di partito e che possa portarci ad amministrare questo Comune con le competenze e il senso di responsabilità che un periodo storico così delicato impone.

Il Portavoce pro tempore dei Dipietristi di Montenero
CRISTIANO MARROLLO