myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623 Elezioni Amministrative Termoli 2024

La nuova raccolta differenziata che ha molto poco del “porta a porta” sarà al centro del consiglio comunale monotematico in programma a fine marzo, con molta probabilità il 23 o il 24 marzo. La fissazione precisa della data dell’assemblea civica è al vaglio del Presidente del Consiglio comunale Giuseppe Rocchia che deve anche considerare i lavori agli impianti del Comune per cui a metà mese la stessa sala consiliare sarà inaccessibile.
Sulla questione differenziata anche i consiglieri comunali di minoranza hanno annunciato battaglia con la presentazione di ben 6 mozioni e la richiesta di un consiglio comunale monotematico. Tra le contestazioni dei consiglieri di centro destra la realizzazione dell’ecocentro nella zona Artigianale di Termoli. Il sito individuato dall’Amministrazione non piace affatto in quanto si trasformerà in una sorta di discarica di rifiiuti speciali tra le piccole imprese artigiane. Altro punto in ballo il cosiddetto “porta a porta” in realtà solo di nome perchè di fatto sono i condomini che devono condurre i bidoni nel punto di raccolta negli orari individuati dal Comune e Teramo Ambiente.

Altra questione, i costi a carico dei cittadini. Insomma sono diversi i punti in questa differenziata che assolutamente non vanno e che la minoranza ha intenzione di denunciare nel corso dell’assemblea monotematica a cui sono invitati a partecipare comitati civici e residenti.

Ma le iniziative dell’opposizione non si fermano quì. Entro qualche giorno saranno affissi per la città dei manifesti contro l’ipotesi di realizzazione a Termoli di una centrale nucleare dal titolo: “Centrale Nucleare? No Grazie! Termoli ha già dato“.

Intanto anche a livello politico il Centro destra termolese non si ferma e proseguirà nei prossimi giorni con nuovi incontri con esponenti della Regione Molise e del Parlamento così da proseguire il sentiero già iniziato per discutere delle problematiche del territorio ma anche di eventuali iniziative politiche in vista delle imminenti scadenze elettorali.

Nel Centro sinistra, invece, ufficialmente tutto sembra rimasto immutato dal giorno del rimpasto della Giunta comunale ma le acque restano torbide soprattutto tra alcuni consiglieri della coalizione di maggioranza tuttora piuttosto distanti dal Sindaco. Inoltre gli assessori “defenestrati” dall’esecutivo non sembrano aver “digerito” troppo la “manovra” di Vincenzo Greco ed attenderebbero momenti più propizi per far “sentire” la loro presenza al primo cittadino.

Non bisogna nemmeno dimenticare la posizione estremamente critica assunta dalla lista civica “Città dei Cittadini” che seppur non più rappresentata in Comune non sembra intenzionata a restare con le mani in mano. Il silenzio che aleggia nel centro sinistra in quest’ultimo periodo non è sempre preludio di tranquillità.

Articolo precedenteI terremotati di Molise e Puglia dovranno presentare dichiarazione fiscale entro il 16 giugno. Lo ha fatto sapere Agenzia delle Entrate
Articolo successivoMezza tonnellata di pesce sequestrato, raffica di multe ai pescatori e commercianti ittici. Scatta operazione della Capitaneria di Porto in Basso Molise

7 Commenti

  1. Voglia di nuovo
    Evviva la demagogia tardo ambientalista!!! Soprattutto mi piace la riconversione e delocalizzazione delle chimiche…”Panem et Circenses!!!”
    E ancora una volta io resto senza parole…

  2. “sarebbe cosa giusta e buona”….la riconversione e la delocalizzazione delle chimiche, non hanno dato al territorio termolese …NULLA solo apprensione e preoccupazione……chissà quante volte si è pentito colui chele ha fatte atterrare a Termoli….. quanti tumori……

  3. w il nord w la lega nord
    io credo che ai cittadini termolesi non va mai bene nulla,tutti si lamentano della differenziata e nessuno di quanto termoli sia sporca…tanto x questa gente è importante il cellulare di ultima generazione,il macchinone da esibire ecc ecc,questa è inciviltà e pura ignoranza neanche è partita la differenziata e già non funzionava bene ma fatemi il piacere voi nella munnezza ci sguazzate davvero bene…che sia il posto giusto? piuttosto preoccupatevi di battagliare per la centrale nucleare che ci sono già abbastanza mostri cangerogeni altro che differenziata….w il nord e la sua civiltà.

  4. nessuna città italiana si lamenta della raccolta differenziata: ormai, anche i più sprovveduti sono a conoscenza della necessità di determinate misure ambientalistiche…e questo la dice tutta sulla condizione culturale dei termolesi, che addirittura preferiscono fare km per arrivare in qualche zona limitrofa per buttare l’immondizia alla vecchia maniera! roba da pazzi. Che poi la raccolta sia stata organizzata male, questo è un altro discorso.

  5. ma quale differenziata
    concordo con il commento di sopra però è anche vero che se la raccolta fosse stata organizzata a regola d’arte nessuno si sarebbe sognato di prendere la spazzatura, metterla in macchina ed andarla a gettare in qualche cassonetto, vuol dire che qualcosa non va altro che porta a porta. il porta a porta è un’altra cosa

  6. differenziare Sì
    Non è un altro discorso: che la raccolta porta a porta di Termoli sia un obbrobrio E’ IL DISCORSO.
    Chi si lamenta oggi, ricicla rifiuti da anni. Migliaia di cittadini vogliono solo essere messi nelle condizioni di differenziare di più, differenziare meglio, differenziare senza altri oneri oltre la TARSU.
    Sembra così facile e invece questa amministrazione è riuscita a complicare tutto, come ha sempre fatto in ogni sua iniziativa.

  7. Differenziare con criterio
    Termolese d’adozione ha perfettamente ragione. Qualcosa che doveva essere semplice è divenutato un problema complicato e non poco. Così non si può a ndare avanti, bisogna seemplificare al più presto