MACTErmoliTERMOLI – Tutti i locali, sia pubblici che privati, destinati al pubblico spettacolo o al trattenimento in genere, anche se utilizzati occasionalmente, devono ottenere il rilascio del C.P.I. (Certificato Prevenzione Incendi). Per gli stessi motivi, credo, debbano ottenere anche la licenza di agibilità per pubblico spettacolo, solo a seguito del rilascio del certificato e delle licenze, la legge ne consente l’uso.

Per questi motivi chiesi alla Struttura Tecnica del Comune di Termoli una copia del certificato di prevenzione incendi del museo Macte. Il Segretario Generale, nelle vesti del Dirigente f.f del Patrimonio, a tale richiesta, rispose: “Non si evince l’interesse diretto” .

In data 29 dicembre 2016, sull’Albo Pretorio del comune di Termoli, viene pubblicato un Bando per acquisire le candidature di soggetti idonei da invitare a successiva procedura ristretta per l’affidamento dei lavori di manutenzione straordinaria, finalizzati alla messa a norma della struttura alla sicurezza antincendi, per l’ottenimento del C.P.I.


I lavori riguardano: messa a norma dell’impianto elettrico con spostamento del quadro elettrico; realizzazione di impianto allarme e rilevazione incendi; installazione di porte REI 120; realizzazione di rete antincendio esterna con una vasca di accumulo; ect, ect.

La struttura interessata è il Macte, la stessa che ha accolto tra le proprie mura una scolaresca di bambini e molti altri eventi pubblici.
Quindi, “l’interesse diretto” come sostiene il Segretario Generale, non c’è, ma quello dei bambini che rischiano la propria incolumità dentro una struttura che non è “né carne e ne pesce” Sì.

Ciro Stoico