myNews.iT - Per spazio Pubblicitario chiama il 393.5496623 Elezioni Amministrative Termoli 2024

Continua la serie positiva di risultati ottenuti dallo Studio Legale De Benedittis di Campobasso, associato ADUSBEF (Associazione Degli Utenti dei Servizi Bancari e Finanziari),e per esso dagli Avv.ti  Aldo e Carmine De Benedittis  nei confronti delle Banche. Ancora una volta il Tribunale di

Larino Sezione Distaccata di Termoli (Giudice Unico Dott.ssa Barbara Previati), si è espresso nuovamente in

materia di anatocismo bancario,ovvero sulla prassi,da parte delle banche, di capitalizzare trimestralmente gli interessi passivi percepiti (illegittimamente) durante il rapporto di conto corrente.

La Sentenza è del 10 Febbario 2009. Il Giudice ha statuito la illegittimità della capitalizzazione trimestrale degli interessi, nonché la nullità dell’applicazione di tassi debitori superiori al tasso legale,in quanto non pattuiti, applicati ad un correntista dalla Banca Popolare di Lanciano e Sulmona.

Questa ulteriore sentenza si aggiunge alle moltissime già ottenute e a tutta una serie di risultati positivi già raggiunti sino ad ora dallo Studio Legale De Benedittis di Campobasso.

Gli Avv.ti De Benedittis ricordano ai correntisti di opporsi sempre ai Decreti Ingiuntivi ottenuti dalle Banche entro 40 giorni dalla loro notifica,per non vanificare il riconoscimento dei loro diritti e prestare attenzione alla prescrizione del diritto alla restituzione dell’indebito,che può essere richiesto fin dall’apertura del conto corrente (quindi anche da dieci,venti,trenta anni ed oltre) e che matura in dieci anni dalla chiusura del rapporto.

Chi ha avuto nel corso degli anni scoperti di conto corrente può richiedere la restituzione di ingenti somme pagate indebitamente alle banche.

Ciò è possibile anche per i rapporti di conto corrente già estinti,purchè non siano decorsi 10 anni dalla loro chiusura.

Articolo precedenteL’Eurodistretto Basso Adriatico approda a Strasburgo. Bellocchio: “Risultati positivi fino ad oggi”
Articolo successivoIl Capogruppo di Forza Italia al Comune Di Brino derubato nella casa di campagna. Sconcerto e amarezza

1 commento