LA

comitato

RINO – Si resta allibiti di fronte al proliferare di episodi che raccontano dei continui “colpi di mano” che i Dirigenti della ASREM tentano di mettere a segno per provocare la chiusura dell’Ospedale “G. Vietri” di Larino. Sistematicamente, a seguito di proteste degli utenti/pazienti o delle denunce da sempre mosse da questa Associazione, l’azienda sanitaria regionale è dovuta tornare sui propri passi a dimostrazione che i provvedimenti dalla stessa adottati sono destituiti di qualsivoglia legittimità. 

E’ ora in atto il tentativo di chiudere la Chirurgia Generale, reparto per acuti, con una semplice disposizione di un Direttore Sanitario ospedaliero, adducendo la ormai classica giustificazione/mistificazione della carenza di personale, pensando che questa basti per mettersi al riparo dalla palese violazione della Costituzione allorquando non siano più garantiti i Livelli Essenziali di Assistenza. In considerazione delle prospettive catastrofiche che incombono sulla Sanità pubblica della nostra regione, destinata ad essere rasa al suolo per l’incapacità e la superficialità del Presidente Frattura, il quale non ha ritenuto di impedire l’approvazione di provvedimenti deleteri per noi Molisani, l’Associazione “Comitato Civico Frentano” sollecita i Sindaci del Basso-Molise ad unirsi all’Amministrazione di Larino per contrastare la penalizzazione e l’annichilimento del proprio territorio. Si fa presente, infatti, che oltre alla chiusura dell’Ospedale “G. Vietri” di Larino è a rischio smantellamento anche il “S. Timoteo” di Termoli.

Un’area popolata da oltre 102.000 abitanti con l’incremento demografico dovuto all’imminente stagione estiva, rischia di non avere più neanche un solo ospedale degno di tale denominazione. I signori Sindaci abbiano bene in mente cosa potrà comportare la soppressione dei servizi ospedalieri che sommata alla totale inesistenza della assistenza territoriale, ben presto li metterà di fronte a situazioni emergenziali delle quali anche loro dovranno assumersi la responsabilità se non avranno fatto tutto quanto in loro potere per impedirne l’accadimento. 

Associazione “Comitato Civico Frentano”