CAMPOBASSO – Continua a mietere affermazioni di prestigio al di fuori dei confini regionali la società del capoluogo di regione della Ippoform Campobasso Equitazione. Nel Concorso Nazionale di salto ostacoli A**** (a quattro stelle) che si è disputato nella città di Foggia gli atleti regionali hanno brillato ed incantato in tutte le categorie. La cronaca sportiva della tre giorni pugliese ha visto percorsi netti con 0 penalità per Angelo De Bellonia e Chiara Iocca che hanno valso la medaglia d’oro nella categoria B100. Una piccola disattenzione nella giornata di domenica non ha permesso, invece, ad Alessio Vitullo di eguagliare i compagni di squadra, ma comunque l’ottima performance nelle giornate di sabato e di lunedì gli hanno garantito il primo posto di giornata.

Nella categoria B110 Alice Trivisonno nella giornata di domenica ha ottenuto un bellissimo percorso netto, qualificandosi per il suo primo barrage, vinto poi, con determinazione, dall’amazzone molisana. Ottimo concorso per una Federica Colitti all’esordio stagionale che nella categoria C115 ha ottenuto un percorso netto che le è valso il bronzo. Un piccolo infortunio nella giornata di domenica per Barcibal, poi, non ha permesso alla Colitti di replicare nelle giornate successive.

Da rimarcare, infine, l’esordio stagionale e primo appuntamento disputato con il cavallo molisano Corduroy per Michele Ruscitto che con un doppio 0 si è piazzato al quinto posto nella C120. Nelle giornate di domenica e lunedì, piccole incomprensioni dovute alla giovinezza del binomio tutto molisano, non hanno permesso di garantire nella C130 un percorso netto. Ovviamente contenti e soddisfatti dei risultati ottenuti in terra pugliese dai propri allievi si sono detti i responsabili del settore tecnico e dirigenziale della Ippoform Campobasso Equitazione. I molisani in gara: Angelo De Bellonia su Vagabondo in B100, Chiara Iocca su Galyleo in B 100, Alessio Vitullo su Silabanta in B100, Trivisonno Alice su Grace in B110, Federica Colitti su Barcibal in C115/C120, Michele Ruscitto su Corduroy in C120/C130.

Stefano Venditti